Pesciolino d'argento è davvero dannoso?

igiene, infestanti, pulizia, repellente, superfici -

Pesciolino d'argento è davvero dannoso?

Chi ha mai visto un pesciolino d'argento in casa alzi la mano! Come suggerisce erroneamente il termine, non si tratta di un piccolo pesce bensì di un insetto non più grande di un centimetro. Sicuramente non morde e non è velenoso ma per certo, crea numerosi problemi in un ambiente (soprattutto in cucina).

Si nutre di zuccheri ma è un amante della ''cellulosa'', quindi di vecchi libri, vestiti, il retro della carta da parati, anche se c'è da dire che può sopravvivere per molto tempo senza toccare cibo. E' un insetto molto longevo a differenza di altri, la sua vita media è di 3 anni. 

Quali sono i giusti rimedi per annientare questo genere di insetto?

Ecco qualche consiglio: 

  • E' consigliabile arieggiare la casa, ma soprattutto si rivela di vitale importanza deumidificare l'ambiente, perché i pesciolini d'argento amano l'umidità, pertanto a seconda delle situazioni, sarebbe auspicabile acquistare un buon deumidificatore;
  • Utilizzare l'aspirapolvere spesse volte soprattutto in prossimità di battiscopa o fessure, pulire adeguatamente i cassetti e l'interno di ogni mobile;
  • Da annoverare altresì l'impiego di spezie e oli essenziali come la lavanda e la citronella, entrambi si rivelano ottimi per tenerli a debita distanza.

C'è quindi da prendere in considerazione un buon detergente lavapavimenti con azione repellente per insetti, che oltre a garantire una costante pulizia genera una barriera naturale contro gli insetti striscianti e volanti. Grazie agli oli essenziali contenuti nel preparato gli insetti tendono ad allontanarsi dalle zone trattate in quanto non gradiscono l'aroma sprigionato dalle essenze. 

Grazie dunque a questi rimedi, si potrà dire addio al pesciolino d'argento.

Provare per credere!